Home BENESSERE Perché l’ insonnia fa male alla salute? Le 8 ore magiche.

Perché l’ insonnia fa male alla salute? Le 8 ore magiche.

Sonno e stanchezza

Molti sono gli effetti della mancanza di sonno, come sentirsi scontroso e non lavorare al meglio. 

Ma lo sapevate che la privazione del sonno può anche avere profonde conseguenze sulla tua salute fisica?

Una persona su tre soffre di mancanza di sonno, e la giustificazione più frequente è attribuita allo stress, al computer e al fatto che ci portiamo i problemi legati al lavoro anche a casa. Alle volte potrebbe essere semplicemente insonnia d’amore.

Purtroppo il costo di tutte queste notti di insonnia, definita anche agripnia, non si ferma solo a un pò di cattivo umore durante la giornata o ad una ridotta capacità di concentrazione.

Una mancanza di sonno regolare ci mette a rischio di seri problemi medici come l’obesità, disturbi cardiaci e diabete; inoltre accorcia le nostre aspettative di vita.

E’ quindi chiaro che una buona notte di sonno profondo è essenziale al nostro benessere generale per una vita lunga e sana.

Sintomi di insonnia?

insonnia

Classici segni di insonnia includono:

  • eccessiva sonnolenza
  • sbadigliare
  • irritabilità
  • affaticamento diurno

Di quanto sonno abbiamo bisogno?

La maggior parte di noi, per stare bene, ha bisogno di circa 8 ore di sonno di buona qualità a notte, ma c’è chi necessita di più ore e chi di meno. Ciò che importa è scoprire di quante ore di sonno abbiamo realmente bisogno, e quindi tentare di ottenerle.

FASCIA D’ETA’ORE DI SONNO AL GIORNO
neonati 0-3 mesi14-17
bambini 4-11 mesi12-15
bambini 1-2 anni11-14
bambini età prescolare 3-5 anni10-13
bambini/pre-adolescenti 6-13 anni9-11
adolescenti 14-17 anni8-10
giovani adulti 18-25 anni7-9
adulti 26-64 anni7-9
anziani 65+ anni7-8
Ore di sonno necessarie secondo l’età

Come regola generale, se ti svegli stanco e passi la giornata pensando ad una piccola sosta per un pisolino, è molto probabile che tu non abbia dormito abbastanza.

Cosa può provocare l’insonnia? 

Una notte occasionale senza sonno ti fa sentire stanco e irritabile il giorno successivo, ma non danneggerà la tua salute.

Dopo diverse notti insonni, gli effetti mentali diventano più evidenti. Il tuo cervello si appanna, rendendo difficile concentrarsi e prendere decisioni.

Una serie di fattori può incidere a favore di un sonno di cattiva qualità; tra questi l’apnea notturna. Ma nella maggior parte dei casi, è dovuto a cattive abitudini.

Rimedi popolari, come la caffeina, non servono a sostituire il legittimo bisogno di sonno del tuo corpo. 

Infatti, questi possono solo aggravare la privazione del sonno rendendo molto più difficoltoso riuscire a prendere sonno alla sera. 

Tutto ciò, può innescare una routine di insonnia notturna seguita da nuovo consumo di caffè durante il giorno, per compensare le ore di sonno perse.

Dietro le quinte, la privazione cronica del sonno può interferire con i sistemi interni del tuo corpo e causare molti più danni rispetto ai sintomi sopra elencati.

Se la diminuzione della durata del sonno si protrae per troppo tempo, si potrebbe incorrere in  forme di allucinazione, come ad esempio vedere o sentire ciò che in realtà non esiste. 

L’agripnia riesce anche ad innescare manie di varia natura in coloro che soffrono di disturbi bipolari. 

Altri rischiosi fattori psicologici includono:

  • nascita di comportamenti impulsivi
  • stati d’ansia
  • episodi di depressione
  • forme di paranoia
  • ricorso a pensieri suicidi

E’ inoltre possibile sperimentare episodi di microsleep durante il giorno. 

Al verificarsi di questi episodi, ti addormenterai per alcuni secondi o minuti senza rendertene conto. Il microsleep è fuori dal tuo controllo e può essere molto pericoloso se si sta guidando. Può anche renderti più incline a lesioni dovute a inciampi e cadute.

Privazione del sonno e sistema immunitario

sistema immunitario

Mentre dormi, il tuo sistema immunitario produce dei protettori come le citochine che contrastano le infezioni. Esso utilizza queste sostanze per combattere gli invasori stranieri come batteri, virus e cellule malate.

Le citochine aiutano anche a dormire, fornendo al sistema immunitario più energia per difendere il tuo sistema da malattie.  

L’ insonnia rende difficile al sistema immunitario la capacità di rafforzarsi. Non ottenendo abbastanza sonno, il tuo sistema potrebbe non riuscire a respingere organismi nocivi, richiedendo più tempo per recuperare dopo malattie e infezioni.

La privazione del sonno prolungata aumenta il rischio di malattie croniche, come il diabete e le malattie cardiache.

Disturbo del sonno e Sistema respiratorio

insonnia e sistema respiratorio

La fisiologica relazione tra il sonno e il sistema respiratorio va in entrambe le direzioni. Un disturbo del sonno a carattere respiratorio notturno chiamato apnea ostruttiva (OSA) interrompe il sonno e ne abbassa la qualità.

E’ come restare sveglio per tutta la notte. 

Questo causa la privazione del sonno che rende vulnerabili alle comuni infezioni respiratorie tipo raffreddore e l’influenza. L’ insonnia può anche peggiorare le malattie respiratorie esistenti, come le malattie polmonari croniche.

Sistema digestivo

mancanza di sonno

Unito ad una eccessiva alimentazione e mancanza di esercizio, la mancanza di sonno rimane un elemento di rischio per l’obesità. 

Il sonno colpisce le funzioni di due ormoni, leptina e grelina, il cui compito è controllare i segnali di appetito e insieme di sazietà. La leptina dice al tuo cervello quando hai mangiato a sufficienza. Senza abbastanza sonno, il cervello riduce la leptina aumentando invece la grelina, che è un segnalatore dell’appetito. 

L’irregolare flusso degli ormoni spiega il famoso spuntino notturno e la necessità di mangiare a notte inoltrata, sopratutto nei casi di insonnia in gravidanza.

Un prolungato disturbo del sonno può renderti troppo stanco per l’attività fisica. 

Nel corso del tempo, la conseguente riduzione di attività fisica induce un aumento di peso perché non stai bruciando sufficienti calorie e implementando la massa muscolare.

L’ insonnia spinge inoltre il sistema a rilasciare aumentati livelli di insulina dopo i pasti. L’insulina gestisce il livello di zucchero nel sangue. Livelli elevati di insulina generano l’accumulo di adipe aumentando di conseguenza il rischio di diabete.

Sistema cardiovascolare

privazione del sonno

Il riposo influisce sui tutti i processi volti a mantenere sani il cuore e i vasi sanguigni, inclusi i livelli di zuccheri presenti nel sangue, pressione sanguigna e infiammazioni. 

Svolge anche un ruolo vitale nella capacità del nostro corpo di guarire e riparare i vasi sanguigni e il cuore.

I soggetti che non dormono a sufficienza aumentano le probabilità di incorrere in malattie cardiovascolari. Molte analisi hanno trovato un collegamento tra l’insonnia e il rischio di infarto e ictus.

Sistema endocrino

disturbo del sonno

La corretta produzione di ormoni dipende da un sano sonno. Così è per la produzione di testosterone, che richiede minimo di almeno tre ore di sonno senza interruzioni, che coincide con il momento del primo episodio REM. 

Restare svegli tutta la notte potrebbe influenzare la produzione di ormoni.

Il sonno interrotto a sua volta, influenza anche la produzione di ormoni della crescita, quindi nei bambini e giovani adulti. 

Inoltre questo tipo di ormoni aiuta a aumentare la massa muscolare e riparare tessuti e cellule.

A sua volta, la ghiandola pituitaria produce ormoni della crescita continuamente, ma sono il sonno e l’esercizio fisico i primi ad indurre la produzione di questo ormone.

Insonnia rimedi

La forma più semplice per la cura dell’insonnia è ottenere più sonno.

Compito non facile, soprattutto se sei stato privato di importanti ore di sonno per periodi di tempo troppo estesi. 

Arrivati a questo punto, torna utile un consulto medico o di uno specialista del sonno che, dove necessario, diagnosticherà e proporrà il corretto trattamento dell’insonnia.

Il disturbo può aumentare il rischio per gli effetti già citati riguardo la privazione del sonno sul corpo.

Di seguito sono riportati i classici disturbi del sonno:

  • apnea notturna
  • convulsioni
  • disturbi del movimento
  • arcolessia
  • sindrome delle gambe senza riposo

Allo scopo di diagnosticare questi disturbi, il medico può ordinare uno studio del sonno. 

Generalmente, questo tipo di studi viene condotto in un centro del sonno, ma oggi esistono ottime alternative per verificare la qualità del sonno anche da casa.

Una volta diagnosticato una patologia legata al disturbo del sonno, oltre alla somministrazione di farmaci, potrebbe essere proposto un dispositivo per aiutare le tue vie aeree di notte (nell’eventualità di apnea del sonno), in modo da combattere i sintomi e aiutarti a dormire meglio su base regolare.

Prevenzione della privazione del sonno

L’unico modo per prevenire la privazione del sonno è quello di assicurarsi di ottenere un sonno adeguato e una alimentazione sana

Seguire le indicazioni consigliate nella tabella pubblicata in questa pagina.

Alternative per tornare alla normalità con un corretto programma di sonno sano comprendono:

  • meno sonnellini diurni (o evitarli completamente)
  • eliminare la caffeina dopo mezzogiorno
  • coricarsi alla stessa ora ogni notte
  • svegliarsi alla stessa ora ogni mattina
  • relax, lettura, meditazione o fare un bagno evitando cene pesanti almeno due ore prima di andare a letto.
  • astenersi dall’utilizzare dispositivi elettronici subito prima di andare a letto
  • fare esercizio fisico regolarmente, evitando le ore serali vicino all’ora di andare a dormire
  • goderti la tua comfort zone

6147d2c433800a3a9f8bbb12b5619c56?s=117&d=mm&r=g
Max Interlandihttps://confortlife.it
Da 23 anni impegnato con soluzioni di strategia off e online, esperto in logiche di Brand Influence, Advocate Marketing e Digital Marketing, Max è un appassionato sostenitore delle nuove forme di comunicazione e si occupa di identificare e sviluppare strategie di Social Media Marketing e SEO. Nell’ambito della “comunicazione tradizionale” si è occupato di progetti ad ampio respiro nella televisione e nella stampa

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

PIU' LETTI

.